Intelligenza Attiva

Le 10 invenzioni del terzo millennio che più ci hanno cambiato la vita

Il terzo millennio, sebbene iniziato solo da tre lustri, ha già prodotto una serie di invenzioni che in pochissimo tempo hanno avuto un impatto potente sulla società e sulla vita quotidiana degli abitanti del nostro pianeta. Il primato dell’innovazione va alla tecnologia, alla scienza e alla medicina, tutti campi in cui il progresso, negli ultimi 15 anni, è stato tanto rapido e di ampia portata da rendere facile ciò che prima sembrava impossibile.

A stabilire quali sono le 10 innovazioni di recente introduzione che hanno avuto l’impatto più rilevante sulla società nel suo complesso è un’indagine di Found! che per identificarle ha monitorato 50 testate internazionali e intervistato 60 esperti di sociologia, scienza e innovazione.

L’indagine attribuisce il primo posto ai social network, che hanno rivoluzionato le relazioni sociali e la comunicazione, nel senso più ampio del termine. Il secondo posto va allo smartphone, strumento operativo di quel nuovo modo di concepire le interazioni sociali e la comunicazione che di fatto ne ha diffuso e accelerato la portata a livello globale. Poi il laser: in particolare il suo utilizzo in medicina, che ha rivoluzionato le tecniche chirurgiche rendendole meno pericolose e invasive, ma anche le applicazioni che se ne fanno nell’ambito del recupero di opere d’arte, monumenti e siti archeologici.

Al quarto posto c’è la tecnologia USB, che ha reso possibile collegare fra loro diversi dispositivi per il trasferimento veloce dei dati, e al quinto il GPS, il sistema di posizionamento globale tramite segnale satellitare che, ormai disponibile su qualunque smartphone, ha reso obsolete mappe e cartine e permesso lo sviluppo di miriadi di servizi geolocalizzati. La stampa in 3D è sesta: benché non sia ancora capillarmente diffusa e utilizzata, le sue potenzialità sono elevate, perché permette di produrre “in proprio” un gran numero di oggetti di uso comune.

Chiudono la graduatoria Wikipedia, l’enciclopedia “collettiva” che proprio nel 2016 compie 15 anni e il cui impatto è stato quello di rivoluzionare le modalità di accesso al sapere, le auto ibride, che segnano l’inzio della fine della dipendenza da idrocarburi fossili, se non altro nell’ambito della mobilità, e l’iPod, l’invenzione di Steve Jobs che ha cambiato per sempre il modo di fruire e ascoltare la musica.

All’ultimo posto i 60 esperti hanno collocato la mappatura del genoma umano che, probabilmente, meritava qualcosa in più: comprendere la funzione dei geni è infatti il primo passo verso lo sviluppo di farmaci e terapie per trattare malattie altrimenti incurabili.

Fonte: eventreport.it

Lascia un Commento