Intelligenza Personale

Smart city: 5 soluzioni per città più verdi

Si chiamano Smart City e saranno le città sostenibili che, oltre a tutelare la nostra salute e ridurre il nostro impatto sull’ambiente – un rapporto dell’Onu dimostra che gli agglomerati urbani producono il 70% dell’anidride carbonica che contribuisce all’effetto serra – ci faranno risparmiare cifre esorbitanti.

Secondo l’ultimo New Climate Economy Report, con le misure prese per progettare città sempre meno impattanti, in tutto il mondo entro il 2050 si potrebbero risparmiare oltre 17 trilioni di dollari, ovvero circa 15 trilioni di euro. Fantascienza? No. Di queste soluzioni sostenibili e a costi contenuti ne sono già state realizzate, anche se non tutte sono in commercio. Eccone alcune tra le più originali. 

Park Smart

Addio inutili giri: nelle città del futuro trovare posto per la macchina sarà un gioco da ragazzi grazie al sistema che permette di conoscere in tempo reale la disponibilità di posti liberi in una determinata zona della città. Il metodo utilizza i video delle telecamere, trasferendo le informazioni direttamente a una App e al navigatore. Il sistema è attualmente in beta test: l’uscita sul mercato è prevista per gennaio 2016.

SinERGIAmministrativa

Illuminare le città senza inquinare? E’ sufficiente autoprodurre l’energia necessaria usando oggetti non più utilizzabili: vecchie grondaie, hard disk rotti, motori di stampanti, elettrodomestici in disuso possono diventare la materia prima per realizzare un aerogeneratore ad asse verticale. Questa soluzione, sviluppata da Ellequadro ingegneria, allo stato attuale è stata utilizzata solo in forma privata per testarne la realizzazione e il funzionamento ma si auspicano utilizzi più allargati.

Touch4Movie

È un sistema smart per la visione interattiva di contenuti video sui più comuni dispositivi mobili. Basta  toccare lo schermo in corrispondenza dei punti di interesse (oggetti, persone, luoghi) e il sistema fornirà informazioni multimediali. Molto utile nel turismo e nella valorizzazione dei beni architettonici ma anche nella mobilità e nel trasporto pubblico. È stato ideato da ICTinnova, startup nata come spin-off dell’Università la Sapienza.

HALADIN’s

Una lampada da tavolo che monitora la qualità dell’aria e del comfort all’interno degli ambienti chiusi, dove possono esserci numerose sostanze nocive rilasciate dagli impianti, dall’arredamento, dalle vernici, dai prodotti per la pulizia.

HALADIN’s funge da strumento di controllo, poiché oltre a calcolare temperatura, umidità e luminosità, misura i livelli di Voc – Volatile organic compounds – e formaldeide attraverso tre led colorati: verde quando l’aria è pulita, giallo per livelli di attenzione e rosso in caso di valori allarmanti.

SRS – Smart Rainfall System

È un nuovo strumento di monitoraggio del rischio meteo-idrologico che stima e localizza in tempo reale le precipitazioni. A differenza dei sistemi attualmente in uso, si basa su componenti di mercato a basso costo e utilizza le parabole satellitari per l’acquisizione dei dati.

Nasce dal lavoro dei dipartimenti DITEN e DICCA dell’Università di Genova e dall’azienda genovese Darts Engineering Srl. Sono in fase di avvio due sperimentazioni del sistema nella Provincia di Firenze e nel Comune di Genova.

Lascia un Commento