Intelligenza Personale Intelligenza SOLYDA

Perchè un Master in Intermediazione Assicurativa e Crescita Personale?

Per chi si approccia al modo Solyda per la prima volta, sia che si tratti di professionisti del settore o giovani che cercano di orientarsi nel mondo del lavoro è subito chiaro che la formazione dei consulenti è messa sempre al primo posto.

In Solyda crediamo da sempre che sia necessario lavorare per migliorare e per garantire ai clienti la migliore consulenza possibile.

Con questo spirito di ricerca e miglioramento continuo, grazie all’instancabile lavoro del nostro Chief Training Officer Nunzio Lella il percorso di formazione Solyda Business School è arrivato a stringere partnership con i più autorevoli organi di formazione come SDA Bocconi School of Management, AIEF e Stephen Covey.

La scorsa settimana 65 Personal Financial Advisor Solyda hanno concluso con successo il Master di Alta Formazione in Intermediazione Assicurativa e Crescita personale, vogliamo condividere con voi l’intervista fatta a due di loro.

Mara Bonanno e Riccardo Donadio hanno concluso il percorso diplomandosi con il massimo dei voti lui di Roma e lei di Torino, hanno dimostrato che impegnandosi e credendo in sé stessi si possono raggiungere ambiziosi traguardi.

  • Cosa significa per te far parte del team Solyda?

Mara: Far parte del team Solyda vuol dire far parte di una famiglia che ti stimola a crescere e ti aiuta nei momenti di difficoltà spronandoti a fare sempre di più.

 

Riccardo: Entrar a far parte del team Solyda ha significato per me approcciare il paradigma della libera professione, ovvero una visione del mondo lavorativo con una leva di crescita imprenditoriale e con allo stesso tempo il supporto di un modello di business estremamente efficace, innovativo e con una velocità di adattamento al mutare del mercato assicurativo/finanziario fulminea. Gli aspetti d’eccellenza che caratterizzano il modus operandi di Solyda sono molteplici, ad esempio si veda proprio l’ambito della formazione: le partnership con SDA Bocconi, la condivisione della vision dell’educazione finanziaria con Aief, sono proprio il frutto di un modello di continuos improving a partire dal vertice aziendale declinato fino al consulente entry level. Questo è uno degli aspetti a cui tengo a particolarmente, poiché se non vi è un processo di continua evoluzione tramite la leva della formazione si rischia di andare in stallo ed essere messi fuori mercato. Solyda ha ben chiaro dove vuole arrivare, e le strategie che si stanno implementando ci stanno proiettando verso la leadership del mondo del risk management e dell’intermediazione assicurativa.

Far parte della squadra è motivo di grande orgoglio ed il contributo del singolo può fare davvero fare la differenza in termini di performance.

 

  • Perché un master in intermediazione assicurativa e Crescita personale?

Mara: Il master di intermediazione assicurativa e crescita personale ti aiuta a diventare un professionista di successo imparando a conoscere la persona che realmente sei e di conseguenza quella che vuoi diventare.

 

  • Quali sono i contenuti più interessanti del master di alta formazione in intermediazione assicurativa e crescita personale?

Riccardo: L’aspetto che mi ha maggiormente colpito è stata la cura con la quale sono stati creati contenuti tailor-made specificamente in relazione alla nostra professione.

Provenendo da un percorso universitario magistrale presso la Luiss Guido Carli di Roma, dove mi sono laureato Cum Laude in Economia e Gestione delle Imprese, vedere i contenuti finanziari/assicurativi perfettamente bilanciati alle soft skills, alla Pnl ed all’intelligenza motiva mi hanno dato la certezza di avere a disposizione un boost per fare un salto quantico nel livello di consulenza offerta.

A questo proposito con estrema ammirazione rinnovo l’elogio per l’entourage della SDA Bocconi e per tutti gli strepitosi responsabili di Solyda.

 

  • Cosa ti ha lasciato questo master?

Mara: Questo Master mi ha dato conferma della professionista che voglio diventare e soprattutto che il successo del nostro lavoro è basato sulla formazione continua, questo è stato un traguardo importante ma pur sempre un inizio.

Guardandomi indietro grazie a questa esperienza posso dire di aver fatto dei passi da gigante.

 

  • Cosa consiglieresti a chi inizia adesso questo ambizioso percorso?

Riccardo: A questa domanda vorrei rispondere citando il titolo di una celebre opera del 1862 del filosofo Feuerbach, ovvero: “Noi siamo ciò che mangiamo”. A me piace declinare questa frase in chiave moderna con l’espressione “Noi siamo il lavoro che svolgiamo”. Il lavoro non è solo un mero insieme di attività da svolgere ripetutamente, bensì è un credo, un atto di fede, parte del nostro essere. Ed è proprio per questo motivo che per svolgerlo al meglio le competenze e conoscenze ne diventano la chiave di volta. A questo proposito, mi rivolgo agli advisor Solyda che stanno per intraprendere questo percorso d’eccellenza: riponete il vostro massimo impegno poiché il ritorno che ne avrete sarà sbalorditivo.

Lascia un Commento